X Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

Comunicazioni elettroniche e forma scritta: in attesa del Regolamento Europeo

mansi news

10-08-2017

Comunicazioni elettroniche e forma scritta: in attesa del Regolamento Europeo

Il Tribunale di Catania ha ritenuto legittimamente intimato dal punto di vista formale un licenziamento comunicato via whatsApp in quanto idoneo ad assolvere l'onere della forma scritta prescritto dall'art.2, l.n.604/1966, trattandosi di documento informatico. L'estensore il Giudice dott. Fiorentino si richiama ad altra pronuncia della Corte di Appello di Firenze 5 luglio 2016 e alla giurisprudenza della Corte Suprema che esclude l'onere per il datore di lavoro di adoperare formule sacramentali per manifestare la volontà di interrompere il rapporto. 

L'ordinanza in commento pare coerente con i contenuti della proposta di Regolamento Europeo in tema di comunicazioni elettroniche presentata dalla Commissione europea il 10 gennaio scorso e destinata ad abrogare la direttiva 2002/58/CE.

La nuova disciplina contenuta nella proposta di Regolamento è finalizzata a rafforzare la sicurezza nel mercato unico digitale, con riconoscimento dei nuovi servizi di comunicazione elettronica (come, ad esempio, quelli forniti da Whatsapp, Messanger, Skype, Viber) e incremento della fiducia degli utenti nel loro utilizzo.

Nel nuovo Regolamento, che nelle intenzioni della Commissione Europea dovrebbe entrare in vigore entro il 25 maggio 2018 in concomitanza con il Regolamento UE sulla protezione dei dati personali, sono altresì previsti ampliamenti della protezione dei dati con riferimento ai metadati (e non solo ai contenuti delle comunicazioni), contro lo spamming e sono previste semplificazioni delle regole sulla prestazione del consenso per i cookies.

 

Clicca qui per scaricare il testo dell'ordinanza del 27 giugno 2017 del Tribunale di Catania est, dott. Fiorentino

http://www.rivistalabor.it/wp-content/uploads/2017/07/Trib.-Catania-27-giugno-2017.pdf

Clicca qui per scaricare il testo della proposta della Commissione Europea

https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/news/proposal-regulation-privacy-and-electronic-communications

 

 

 

Made in Web Industry